Guit Online





Facebook per studi legali: perché e come utilizzarlo

Category : Internet · by Mar 23rd, 2020
facebook

Negli ultimi anni abbiamo assistito a tantissimi cambiamenti relativi alle modalità di promozione delle attività professionali. Tanti mutamenti si sono verificati ma sono rimasti fermi anche numerosi punti. In questo novero è possibile citare la centralità di Facebook, il re dei social da sempre.

Gli studi legali possono trovare vantaggi dal suo utilizzo? Quali sono i consigli migliori per gli avvocati che vogliono muoversi su questo social? Nelle prossime righe, cercheremo di vedere assieme qualche risposta a questa domanda.

Perché utilizzare Facebook per promuovere il proprio studio legale

Perché utilizzare Facebook per promuovere il proprio studio legale? La risposta a questa domanda è una e una sola: per il fatto che, nonostante i cambiamenti che hanno coinvolto questo social, sono ancora tantissime le persone che lo frequentano.

Lo fanno in maniera diversa rispetto a qualche anno fa – si condividono meno post e si tende molto di più a frequentare i gruppi – ma la presenza c’è.

Anche se, molte volte, quando si pensa a Facebook la prima immagine che viene in mente è quella dello svago, non bisogna dimenticare la domanda latente.

Sono infatti tantissime le persone che, accedendo al social per motivi legati alla vita personale, davanti a una determinata inserzione (della pubblicità parleremo tra poco) si rendono conto di poter trarre vantaggio dai servizi di un avvocato o di uno studio legale.

Per questi motivi è il caso di includere Facebook nella propria strategia di marketing. Come evidenziato dagli esperti di PromozioneAvvocato, gli step da considerare per ottenere risultati sono diversi. Vediamoli assieme nel prossimo paragrafo.

Come utilizzare al meglio Facebook per il proprio studio legale

Quando si parla di come utilizzare Facebook per il proprio studio legale, uno degli aspetti da considerare assolutamente è il monitoraggio della concorrenza. Una volta che si hanno le idee chiare su come si muovono su questo social i propri competitor si può partire con la cura dei dettagli del profilo.

La prima cosa di cui occuparsi in questa fase è la compilazione delle descrizioni. In quella breve è opportuno inserire il link al sito dello studio. In quella lunga, invece, si può dare spazio a maggiori dettagli. Fondamentale, per esempio, è soffermarsi sulla mission, ossia lo scopo principale della propria attività. Un altro aspetto che è importante non trascurare è l’elenco delle aree di competenza, cruciale per distinguersi dai competitor.

Il passo successivo da compiere riguarda l’approfondimento delle dinamiche pubblicitarie di Facebook. Avere la pagina del proprio studio legale piena di like serve a poco se non si intercetta l’utenza potenzialmente interessata ai propri servizi e propensa a chiedere un appuntamento.

Quando ci si sofferma sulle dinamiche pubblicitarie di Facebook è il caso di ricordare l’importanza delle procedure di testing. Pensare di fare pubblicità al proprio studio legale con una sola inserzione è sbagliato. La cosa giusta da fare è considerare diverse varianti con peculiarità specifiche per quanto riguarda sia il copy, sia le immagini.

Conclusioni

Sono davvero tanti i consigli che si dovrebbero considerare quando si parla di presenza efficace su Facebook per gli studi legali. In questo novero è possibile citare senza dubbio l’importanza di condividere contenuti visuali.

Grazie ad essi, si ha la possibilità di massimizzare la portata dei post e di trasferire all’utenza diversi aspetti del dietro le quinte della propria attività quotidiana.

Gli studi legali e gli avvocati che hanno intenzione di essere presenti in maniera efficace su Facebook dovrebbero considerare anche l’importanza dei video. Grazie a Facebook Watch, questi contenuti vengono fruiti in maniera più rapida da parte degli utenti.

Concludiamo ricordando che alla base di tutto deve esserci una coerenza nel tono di voce dei contenuti, così come la costanza nel condividere contenuti. Uno spazio social è una vera e propria promessa e non è il caso di disattenderla.

SHARE :